Skip to main content

Lo stato mentale superiore: il Flusso

12 Febbraio 2024| L’Onironauta

Intorno ai palazzi di una zona di Vicenza, alla fine degli anni ’70 c’era una meravigliosa zona boschiva; nonostante fosse stata recintata, noi bambini avevamo creato un varco per accedervi liberamente.

Per arrivare al bosco, si doveva camminava in una vasta distesa di sassi, come quelli di un fiume in secca. Era a dir poco incantevole.

Lì, mi sedevo sotto il sole d’estate ad osservare ogni singolo sasso, le sue particolarità, i suoi colori, le venature. Ogni sasso era magico, unico!
Stavo seduta ore e ore in contemplazione senza accorgermi del passare del tempo e di quello che mi accadeva intorno.

Avevo poco più di 6 anni ma correvo fuori di casa piena di gioia al solo pensiero che avrei scoperto un nuovo entusiasmante piccolo mondo.

La mia infanzia è stata una grande incredibile avventura: ero libera di essere me stessa, di sperimentare, di imparare… di fare! Mi trovavo nella “zona” o meglio conosciuta dalla psicologia contemporanea come il Flusso.

Un flusso di coscienza in cui l’individuo diviene un tutt’uno con l’azione che esegue e con l’obiettivo che intende perseguire, dimenticandosi del resto e, nondimeno, dello scorrere del tempo.

IN QUESTA NUOVA AVVENTURA ONIRICA:

Cosa è il Flusso (Flow)?

Il Flusso, conosciuto anche come Flow, è uno stato mentale di elevata concentrazione e iperfocalizzazione che consente alle persone di raggiungere il loro massimo potenziale attraverso una combinazione di aspetti personali che possono essere sviluppati indipendentemente li uni dagli altri ma la cui attivazione sinergica permette di accedere a questo stato ottimale.

I pilastri del Flusso mentale

Nel libro “Flow“, un classico fondamentale della psicologia contemporanea, lo psicologo ungherese Mihály Csíkszentmihályi parla della felicità come una condizione umana che non dipene da fattori esterni ma da come noi li interpretiamo e che può essere preparata imparando a controllare i contenuti della nostra coscienza.

Nel libro, non si regalano formule magiche per arrivare alla felicità, piuttosto si indica la via per poter arrivare al Flusso e costruire la felicità personale.

Per arrivare al Flusso, è necessario imparare a controllare la coscienza e a darle ordine con degli obiettivi realistici, realizzando quello che si sta facendo per amore della cosa in sè, come lo stesso piscologo scrive nel suo libro.

Il flusso mentale rappresenta la migliore versione di noi stessi, nella quale entriamo in uno stato mentale superiore di iperconcentrazione sbloccando tutto il nostro potenziale logico e creativo. Questo stato ottimale è ben conosciuto dagli artisti e dagli atleti.

Il focus laser nel Flusso

Il primo concetto legato al Flusso è quello di focus attenzionale ossia la capacità di focalizzare l’attenzione su un compito o un’attività con una precisione simile a quella di un laser.

Questo è essenziale per ottimizzare le prestazioni e raggiungere uno stato di Flow in quanto consente di essere completamente assorbito nell’attività che si sta svolgendo, inibendo tutte le distrazioni.

Il controllo cognitivo

Il secondo pilastro del Flusso è il controllo cognitivo: la capacità di identificare e regolare il comportamento quando necessario.

Il controllo cognitivo aiuta a mantenere la concentrazione nella consapevolezza, nella lucidità della presenza nel momento.

Adattare il proprio comportamento

Il terzo fondamentale pilastro del Flusso concetto è la capacità di autoregolarsi: adattare il proprio comportamento in risposta ai cambiamenti ambientali; consente di mantenere il controllo delle emozioni, pensieri e comportamenti in modo da poter raggiungere e mantenere più a lungo lo stato ottimale di Flow.

Insieme a questi tre fondamentali pilastri, c’è poi il concetto di creatività, essenziale per raggiungere lo stato di flusso, poiché consente di trovare soluzioni uniche e innovative a compiti difficili; di vedere il mondo da una nuova prospettiva e trovare soluzioni creative.

I sogni lucidi come stato del Flusso

Si ritiene che il sogno lucido avvengano nello stato mentale del flusso quando si è talmente rilassati che si sta dormendo ma ancora la corteccia cerebrale, che solitamente è spenta mentre si sogna, è ancora attiva permettendo alla persona di essere lucido mentre sogna.

Per questo il sogno lucido rappresenta la prossima frontiera dell’ evoluzione umana.

È il momento in cui la persona può allenarsi e imparare qualsiasi cosa mentre sta dormendo!